fbpx Skip to content

La Comunità di Palombara Sabina al Polo Culturale Matteo Quaglini

Un’importante collaborazione con le realtà del territorio del territorio della Sabina

Sabato 19 marzo è stata la giornata dell’inaugurazione del Polo Artistico Culturale “Matteo Quaglini” a Palombara Sabina; uno spazio fortemente voluto dall’amministrazione Comunale e dalle associazioni del territorio.

Dedicato al giovane giornalista scomparso prematuramente Matteo Quaglini, il Polo Artistico Culturale ha l’obiettivo di diventare un punto di riferimento del territorio per promuovere e dare risalto alle diverse attività svolte dalle Associazioni di Palombara Sabina.

Questo Polo nasce negli spazi dell’ex asilo San Giuseppe e la comunità Dianova di Palombara Sabina, attiva sul territorio dal 1988, si è occupata dei lavori di sistemazione e di pittura e continuerà, grazie ai ragazzi ospiti della struttura, ad occuparsi della manutenzione e della cura degli spazi.

Con questa importante collaborazione sul territorio Dianova potrà anche svolgere attività di informazioni e prevenzione sul problema delle dipendenze; infatti il primo e il terzo giovedì di ogni mese, dalle 10 alle 13, negli spazi concessi dal Polo Matteo Quaglini verrà realizzato uno sportello dove due professioniste (psicologa ed educatrice) della Comunità daranno informazioni, consigli e orientamento sull’ambito delle dipendenze a chiunque abbia bisogno. Inoltre il Polo potrà diventare un luogo di incontro per i famigliari dei ragazzi e delle ragazze ospiti della Comunità di Dianova.

“Al polo Culturale Matteo Quaglini di Palombara Sabina è stato aperto lo sportello sulle dipendenze che si terrà il primo e il terzo giovedì di ogni mese. Ritengo che sia di fondamentale importanza attuare sul territorio interventi di informazione su una tematica che da sempre coinvolge molte persone. Il primo passo per poter affrontare un percorso di cura è la richiesta di aiuto, ma molto spesso le persone rimangono bloccate nella loro condizione di disagio perché non sanno a chi rivolgersi. Attraverso questo sportello vorremmo tendere la mano a chi è in cerca di aiuto, diffondere informazioni sulla tematica delle dipendenze anche in un’ottica preventiva e creare un luogo in cui persone con questo tipo di problemi possano sentirsi accolti, ascoltati ed orientati verso strategie di gestione per poter affrontare la problematica.
Spesso lo stigma che si cela dietro alla tematica della dipendenza ostacola la richiesta di aiuto e l’accesso ai servizi di cura, in un’intera comunità la diffusione delle informazioni può essere un primo passo per contrastare pregiudizi e discriminazioni che nascono proprio dalla mancanza di conoscenza.”

Afferma Giorgia Vecchi, psicologa della Comunità di Palombara che presidierà lo sportello al Polo Culturale.

Lo sportello sulle dipendenze non è l’unica attività che Dianova realizzerà grazie alla sinergia con le realtà del territorio della Sabina;
i ragazzi della Comunità di Palombara si occuperanno anche della manutenzione della struttura e degli spazi verdi del Castello Savelli che, grazie all’Azienda Speciale Sanitaria, consentirà la realizzazione di 2/3 tirocini formativi per consentire ai ragazzi in fase di reinserimento sociale di acquisire competenze lavorative.

Queste iniziative sono un esempio dell’importanza di creare una rete di supporto territoriale che consentano alle Comunità di Dianova di diventare sempre più “aperte”.

Per maggiori informazioni sullo sportello per le dipendenze di Palombara contattate negli orari di apertura il numero: 0774 688455

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Responsabile della protezione dei dati

Informazioni sul contatto

Ruolo: responsabile della protezione dei dati Carrino Giovanni

Indirizzo: viale Forlanini, 121 20024 Garbagnate Milanese Milano

 Email:  [email protected]

 Telefono:  02 99022033