fbpx Skip to content

26 giugno: Dianova celebra la Giornata Mondiale contro la Droga

La Rete Internazionale Dianova, anche Dianova Italia, aderisce alla campagna ONU “Prima Ascolta!”.

Promuovere iniziative di prevenzione delle dipendenze basate su evidenze scientifiche, con un particolare riferimento ad un semplice concetto, una piccola cosa che tutti sappiamo fare, ma che a volte, per mancanza di tempo, non facciamo: “ascoltare”.

Questo il principale intento della campagna dell’UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) “Prima Ascolta!”, a cui la Rete Internazionale Dianova, compresa Dianova Italia, aderisce in occasione della Giornata internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di droga.

La campagna “Prima ascolta!” è stata presentata in occasione di UNGASS, la Sessione Speciale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite tenutasi a New York nell’aprile dell’anno scorso, e proseguirà fino alla fine del 2017.
I principali fautori, oltre all’UNODC, sono l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), la Missione interministeriale francese di lotta contro le droghe e le tossicodipendenze e il Ministero della Salute e Affari Sociali svedese.

Dianova Italia, nello specifico, promuove la campagna indirizzandosi a due target specifici: genitori e insegnanti, considerati figure chiave a livello di prevenzione con le quali definire e condividere concetti utili a realizzare strategie ed interventi finalizzati ad evitare l’uso e abuso di sostanze.

La prevenzione, infatti, rappresenta un efficace investimento per il benessere di bambini, giovani, famiglie e della popolazione in generale. Un investimento nel vero senso della parola: gli studi in materia dimostrano che, grazie a un approccio alla prevenzione basato su evidenze scientifiche, siamo in grado di risparmiare trenta volte l’importo investito sui futuri costi sociali e sanitari in termini di cura e riabilitazione.

“La prevenzione delle dipendenze è un elemento essenziale degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile; tuttavia, nonostante le migliori intenzioni, gli sforzi in questo settore consistono spesso in iniziative isolate atte ad aiutare i giovani, e il pubblico in generale, a prendere coscienza dei pericoli legati all’uso di stupefacenti”.
Yury Fedotov

Direttore esecutivo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC).

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Responsabile della protezione dei dati

Informazioni sul contatto

Ruolo: responsabile della protezione dei dati Carrino Giovanni

Indirizzo: viale Forlanini, 121 20024 Garbagnate Milanese Milano

 Email:  [email protected]

 Telefono:  02 99022033