E dopo di noi… Un “ponte” verso l’autonomia:
“Un orto per coltivare passioni”

I nostri minori ad un corso di velaChe cos’è

Un progetto per realizzare nella struttura per minori in condizione di disagio sociale “La Villa” a Palombara Sabina (Rm) un orto accessibile anche a persone con disabilità. Un progetto nuovo per la valenza educativa/formativa e per l’integrazione con il territorio. L'orto sarà un luogo capace di far incontrare bisogni, esperienze e storie di vita diverse per integrare e offrire percorsi verso l’autonomia.

I minori durante una seduta del gruppo esperienzialeA chi si rivolge

Saranno coinvolti 10 minori, 10 ragazzi con disabilità e 2 operatori per facilitare lo svolgimento delle attività. La formazione verrà realizzata da esperti permacultori attraverso 24 incontri e per 2 volte all’anno. L’orto resterà a disposizione della struttura e, attraverso eventi ed attività di formazione, della comunità locale con una partecipazione stimata di 200 giovani provenienti da scuole e realtà territoriali.

I minori nel corso di una gitaObiettivi

Il progetto favorisce e promuove l’integrazione di persone in condizione di disagio e a rischio di marginalità all’interno di percorsi di formazione e reinserimento sociale. Sarà realizzato insieme a due associazioni, “Raffaella d’Angelo onlus” e “Terra d’orto onlus”, e un’azienda agricola del territorio, “Terre Sabine”, che offrirà competenze tecniche e la possibilità di realizzare inserimenti per tirocini formativi.

I minori ringraziano i tanti donatoriI costi 

Per poter realizzare questo progetto ed offrire percorsi formativi con docenti qualificati esperti in permacultura e realizzare eventi sul territorio, abbiamo bisogno di 10.000 €.

 

 


Aiutaci a costruire un “ponte” verso l’autonomia:

un orto per coltivare passioni! 

Il pulsante per accedere alla pagina delle donazioni

Il pulsante per accedere ai progetti realizzati

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home Sostieni Dianova E dopo di noi… Un “ponte” verso l’autonomia: “Un orto per coltivare passioni”