europeandrugreport

La relazione sulle droghe e le dipendenze ha evidenziato come la cannabis rimanga la droga maggiormente usata nell’Ue.

“Oggi, i mercati europei delle droghe continuano a cambiare e ad evolversi rapidamente: nel 2014, ad esempio, sono state individuate più di cento nuove sostanze psicoattive e sono state condotte valutazioni dei rischi su sei nuove droghe - entrambe queste cifre rappresentano dei record. Per mantenere il passo con questi cambiamenti e garantire che l’analisi svolta sia informata sui nuovi sviluppi, l’EMCDDA continua a collaborare strettamente con ricercatori e professionisti del settore. In qualità di agenzia, abbiamo sempre riconosciuto l’importanza di fornire informazioni valide, tempestive e pertinenti alle nostre politiche. Confermiamo l’impegno di perseguire quest’obiettivo e di garantire che, indipendentemente dal tipo di problema da affrontare in materia di droghe, le risposte dell’Europa saranno sostenute da un sistema d’informazione sempre produttivo, pertinente e adeguato allo scopo”.

João Goulão
Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’EMCDDA (Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze)
Wolfgang Götz
Direttore dell’EMCDDA

Vai alla relazione

DATI RILEVANTI

CANNABIS

Resta la droga maggiormente consumata in Europa. 80 milioni di adulti ne hanno abusato almeno una volta nella vita, e l’1% ne fa uso ogni giorno o quasi. Aumenta il numero di persone che si sottopongono per la prima volta a un trattamento. In Italia nel 2014 il 21,7% della popolazione complessiva (15-64) ne ha fatto uso per la prima volta, mentre l’8% dei giovani (15-34) l’ha consumata negli ultimi 12 mesi. Prima volta anche per il 14% della popolazione scolastica (15-16).

EROINA

Il suo consumo si conferma in calo in Europa, sebbene l’Onu segnali un aumento di produzione in Afghanistan nel 2013 e nel 2014 che potrebbe determinare una maggiore disponibilità sul mercato Ue. In Italia, per quanto concerne gli oppiacei, tra i 3.800 e i 5.200 casi di consumo problematico, con 16.751 persone che si sono sottoposte al trattamento; 98.460 sono state in terapia sostitutiva.

COCAINA

Tra gli stimolanti si conferma la sostanza più utilizzata: 2,3 milioni di giovani ne hanno fatto uso lo scorso anno con picchi di consumo concentrati nei weekend e durante le vacanze. In Italia il 4,2% della popolazione complessiva (15-64) ne ha fatto uso per la prima volta, mentre l’1,3% dei giovani (15-34) ne ha fatto uso negli ultimi 12 mesi. Prima volta anche per l’1% della popolazione scolastica (15-16).

NUOVE DROGHE

Nel 2014 l’EMCDDA ha segnalato in Europa 101 nuove droghe, con un aumento dell’utilizzo di Internet e delle app per il reperimento e l’acquisto delle sostanze. Nel 2015, per ora, ne ha individuate 41 e ne sta monitorando altre 500.

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home News Dipendenze: presentata dall’EMCDDA la relazione europea sulle droghe nel 2014