nautilus2Sono un ragazzo/uomo polacco di 40 anni. Sono arrivato in Italia nel 1990 con un mio amico che aveva la sorella in una piccola città vicino a Roma. Siamo arrivati appena finita la scuola, con l’intenzione di rimanere per il periodo delle vacanze, e magari guadagnare qualche soldo. Poi la vacanza si è prolungata, e ci siamo fermati un po’ di più...

Con il passare del tempo mi sono poi trasferito in un altro posto per motivi di lavoro. Nei primi anni la mia vita era tranquilla, ma poi ho cominciato a frequentare degli amici che abusavano di alcol. Inizialmente sembrava una cosa normale, come se nulla fosse; terminata la settimana di lavoro si iniziava il weekend con fiumi di birra, vino, vodka ed altri liquori. Risultato: ripetute sbornie, coma; tutte le settimane la stessa storia. Non mi rendevo conto che mi stavo togliendo la vita con le mie stesse mani.

Eravamo a fine 2008, forse il peggiore periodo della mia vita. Con l’aiuto del Centro sono stato accompagnato al Policlinico Umberto I, a Roma, in cui sono stato ricoverato circa un mese, un periodo di terrore, sofferenza, dolore e incubi. I medici mi dissero che ero stato fortunato, perché se avessi ritardato di qualche giorno, avrei rischiato di morire. Dopo il mese trascorso in ospedale, sempre il Centro mi ha proposto una Comunità in Umbria per allontanarmi dalle cattiva amicizie e per non ricominciare di nuovo a bere, e io ho accettato. Sono rimasto in Comunità per quattro mesi, dopodiché sono fuggito, e tuttora non so spiegarmi il perché.

Sono tornato a Roma. All’inizio è stato difficile, ero debole, triste e fragile. Un altro momento critico, ma non ho mollato. Beh, sono passati oltre due anni dall’ultima volta che ho toccato l’alcol, sono fiero di me. Pensavo di non farcela più ad uscire da questo giro, da questo incubo, da questa vita schifosa. Certo, mi sono perso tante cose, ma spero di continuare così, senza più ubriacarmi, perché la vita è bella! Ora mi sento come nuovo, ho un lavoro, e ho imparato un sacco di cose dai miei sbagli. Un consiglio da parte mia? State molto attenti perché l’alcol vi può rovinare la vita. Ve lo dice uno che ne è stato vittima.


Buona Fortuna da xxx!

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home News Una storia di vita: l’esperienza di un ragazzo al Centro Diurno Nautilus