Il Social Camp Dianova nella newsletter di Dianova InternationalIl Social Camp nella newsletter della rete Dianova dedicata alla campagna globale per l’educazione.

Dal 4 al 10 maggio ha avuto luogo la settimana di azione globale a sostegno della campagna globale per l’educazione. La rete Dianova ha voluto dedicare una newsletter a questa importante iniziativa, e Dianova Italia, che da oltre trent’anni promuove interventi educativi specifici per giovani e adolescenti, ha contribuito alla sua realizzazione con un articolo sul Social Camp dal titolo “I sentieri si costruiscono viaggiando” (Franz Kafka).

Cos’hanno in comune scalare una parete artificiale, svolgere esercizi bendati insieme al proprio gruppo e ripeterli in modo riflessivo, dormire la notte in tenda in un bosco, trascorrere una giornata a contatto con la natura, costruire un riparo con materiali di recupero, fare orienteering in bici nei sentieri di un parco?
Sono tutte esperienze che coinvolgono le persone in situazioni caratterizzate da azione, partecipazione diretta e alto coinvolgimento emotivo. “Fare” esperienza significa trasformare i fatti quotidiani in apprendimenti; l’esperienza diventa così un fattore significativo che può generare cambiamento a partire da una trasformazione di quanto vissuto singolarmente e con il gruppo. Per essere significativa e promotrice di cambiamento l’esperienza deve essere vissuta in modo consapevole, deve essere rielaborata durante e anche dopo la sua realizzazione. Riconoscere quanto è avvenuto a livello cognitivo, emotivo e partecipativo affinché questo diventi patrimonio della persona e del gruppo per essere riportato poi nel proprio contesto di vita.

Il Social Camp attraverso le proprie attività outdoor e indoor, le small techniques, i laboratori esperienziali offre a bambini, giovani e adulti una concreta opportunità per sviluppare i propri talenti, rinforzare le proprie abilità per costruire un progetto di vita gratificante e concretamente possibile. La realizzazione personale è infatti alla base del benessere individuale e collettivo, e conduce verso una società più sana, solidale, etica, responsabile ed ecologica.
L’apprendimento esperienziale consente alla persona di affrontare situazioni di incertezza sviluppando comportamenti adattivi e migliorando, nel contempo, la capacità di gestire la propria emotività nei momenti di maggiore stress psicologico. Consente inoltre di sviluppare le proprie abilità di problem solving anche attraverso l’abilità creativa, e di far acquisire autoconsapevolezza mediante auto-osservazione ed etero-osservazione al fine di ridefinire eventuali atteggiamenti inadeguati e di valorizzare i comportamenti costruttivi. L’esperienza così acquisita diviene patrimonio di conoscenza del soggetto e costituirà il nuovo punto di partenza di ulteriori evoluzioni.

L’educazione esperenziale è riconosciuto come uno dei metodi più efficaci per lo sviluppo delle competenze trasversali e delle life skills. Se l’esperienza è a pieno titolo un “luogo educativo” il Social Camp è un luogo in cui promuovere esperienze educative secondo un approccio dinamico, vivente, a contatto con la natura; in cui è possibile essere parte di un processo creativo, protagonisti di quanto si sta vivendo. Un luogo educativo in cui trasformare i vincoli in risorse, attraverso esperienze che siano occasioni di riflessione, confronto e rielaborazione dei propri vissuti. In cui i facilitatori e mediatori dell’esperienza devono necessariamente confermare la propria disponibilità ad esserci non per imporre un significato ma per aiutare i partecipanti a capire il senso che loro stessi possono attribuire a quanto stanno vivendo.

Tutti i programmi del Social Camp promuovono lo sviluppo delle abilità per la vita dei partecipanti in un contesto completamente immerso nella natura. Attraverso dispositivi educativi come l’arrampicata, l’orienteering in bici, il campeggio, la slackline, il nordic walking, l’ortoterapia, le small tecniques, i laboratori di costruzione partecipata,è possibile offrire un terreno relazionale in cui favorire e facilitare esperienze significative ed evolutive. Le attività del Nostro Parco Educativo consentono inoltre di intervenire in situazioni di disagio psicologico e sociale, contrastare i fattori di rischio promuovendo quelli protettivi, lavorare su comportamenti “devianti” come il bullismo o con le diverse abilità.

Ex- ducere: educare, ovvero “tirare fuori” le proprie risorse per vivere pienamente il proprio presente.

Social Camp: L’esperienza al centro, tu al centro dell’esperienza!

Federica Ceccarelli

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home News Campagna globale per l’educazione e Social Camp: inclusione e uguaglianza