Giovani ed educazione: Dianova alla giornata contro la mafiaGiovani ed educazione. Sabato 22 marzo 2014 Dianova ha partecipato alla giornata contro la mafia.

Tra le centomila persone che hanno sfilato tra le strade di Latina, presenti anche le equipe terapeutiche e gli utenti delle Comunità di Montefiore dell’Aso, Palombara Sabina e del Gruppo Appartamento per minori “LA VILLA”.

Momento clou della giornata, oltre agli interventi dei relatori che hanno preceduto il saluto finale di Don Ciotti, la lettura, in un silenzio surreale rotto solo dagli applausi della folla, dei nomi e cognomi delle oltre 900 vittime della mafia: da Giovanni Falcone a Paolo Borsellino fino ad arrivare a Peppino Impastato.

Con la sua presenza, Dianova ha voluto ribadire il proprio contributo alla crescita di una società che possa formarsi grazie a progetti formativi che mettano l’educazione al centro di ogni intervento.

La nuova legalità, infatti, deve partire dalle scuole, dove educatori e insegnanti hanno il compito di promuovere la consapevolezza che ciascuno ha diritti e doveri, e che le leggi esistono per essere rispettate.

La scelta della legalità, per concludere, si compie ogni giorno, e anche Dianova, con i suoi progetti educativi, si pone l’obiettivo di valorizzare i giovani e le loro risorse, orientandoli verso stili di vita sani e corretti.

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home News Giovani ed educazione. Dianova alla giornata contro la mafia