contro la droga donazioneCiao, mi chiamo Serena,
ho quasi 40 anni, un’attività da 8 anni di cartolibreria-edicola in provincia di Ancona, un figlio Davide di 17 anni e mezzo e una bambina Emma di 5. Domenica ho avuto il piacere di sentire un Vs ragazzo parlare a messa e non mi vergogno a dire che mi sono venute le lacrime agli occhi. In quell’attimo a me e a mio marito è venuto alla mente mio figlio, il maggiore, che sta per compiere 18 anni. È un bravo ragazzo tutto sommato, e, più o meno, come tutti i genitori credo, conosciamo le sue amicizie…ma nonostante l'impegno e lo sforzo, lavorando tutti e due a tempo pieno, nel controllarlo e nel stargli dietro cercando di trasmettere valori e consigli, capiamo che qualcosa possa sempre sfuggirci di mano e la nostra più grande paura, anzi, il nostro più grande terrore senza dubbio la droga. Siamo diventati genitori giovanissimi, io avevo appena compiuto 22  anni, anch’io ho avuto la sua  stessa età e ho costruito il mio rapporto con lui di complicità e comprensione proprio cercando di rapportarmi alla  sua  età e cercando di capire ogni suo disagio mettendomi nei suoi panni e cercando di ricordarmi di quando io stessa avevo la sua  età. Non mi vergogno a dire che anch’io come tanti o quasi tutti, ho almeno una volta, provato la droga, quella "leggera" ma pur sempre provata, ma  ho sempre avuto la FORTUNA di non oltrepassare quella linea del "non ritorno"..... capisco anche, che i tempi, le circostanze, le facilitazioni di ora, la noia che pervade i ns figli, la poca fantasia e quell’assurda necessità di doversi sempre aggregare al gruppo e trasgredire per sentirsi accettati... capisco tutto... non tollero.... ma cerco di adeguarmi... e nelle mie possibilità cerco di preservare mio figlio... e spero di riuscire a farlo. Lo spero tanto.

Con totale ammirazione e rispetto Vi ringrazio di avermi dato la possibilità di aiutarVi nel mio piccolo, cosa che faccio sempre volentieri appena posso con la mia attività anche in altri periodi dell'anno e anche con altre associazioni... spero di esservi utile tanto quanto voi lo siete stati per me a pensare... che si riesce nella vita a darsi un'altra possibilità anche da  soli aiutati dal  buon senso e dall’umanità delle persone... spero che semmai, vi dovesse servire qualcos’altro mi contatterete e se posso vi aiuterò molto volentieri.

Con tanto tanto affetto e ammirazione,
Serena

Iscriviti al nostro feed RSS per restare sempre aggiornato

Sei qui: Home Approfondimenti Dicono di noi La lettera di Serena a Dianova, parla di droga e delle sue paure